Cala Brandinchi: la piccola Tahiti della Gallura

114

Cala Brandinchi è una delle spiagge più belle della Gallura e si trova nella zona di San Teodoro, un grazioso borgo che durante l’inverno vanta circa 5.000 abitanti, per poi trasformarsi in estate nella meta ambita di molti turisti.

Merito delle spiagge che nulla hanno da invidiare a quelle dei Caraibi o delle Maldive e dell’acqua cristallina che presenta sfumature difficili da definire, in cui immergersi è un vero piacere.

Cala Brandinchi è la perla di questa parte di Sardegna e ha conservato il suo fascino selvaggio e autentico, con una vista mozzafiato con tanto di scorcio su l’isola di Tavolara: una sorta di montagna granitica e calcarea che si erge maestosa nell’Area Marina Protetta di Tavolara e Capo Coda Cavallo, la cui proprietà è in parte della N.A.T.O. Nota con l’appellativo di “piccola Tahiti” si distingue per la bellezza particolare e decisamente esotica.

Caratteristiche della spiaggia di Cala Brandinchi

Cala Brandinchi è un lembo di sabbia bianca soffice e accogliente che si distende lungo una superficie di circa 15.000 metri quadrati tra Punta Sabbatino e Capo Coda Cavallo. È lunga circa 750 metri, a fronte di una larghezza intorno ai 20 metri.

La conformazione è di stampo lagunare, complice la presenza di uno stagno nella parte retrostante, che divide l’arenile dal resto del territorio. Questa caratteristica è tipica di diverse spiagge della zona ed è la causa principale dell’acqua poco profonda e sicura: l’ideale per quanti non sono nuotatori provetti e persino per le famiglie con bambini. Cala Brandinchi è quindi non solo molto bella, ma adatta a tutti i villeggianti.

Mare e natura a Cala Brandinchi

Il mare a Cala Brandinchi presenta un colore cristallino e limpido come pochi, con sfumature che spaziano tra il verde smeraldo, l’azzurro e il blu cobalto, a seconda dell’alternarsi delle nuvole e del clima circostante. In prossimità degli scogli è possibile percepire dei riflessi in tonalità simili al blu di prussia, che portano delle pennellate mediterranee e selvagge. La profondità del fondale è decisamente contenuta e crea, grazie alla lucentezza delle acque e al contrasto con la natura circostante, una sorta di effetto piscina che fa sentire immediatamente a proprio agio, risultando ideale per i bambini, che possono così giocare liberamente.

La sabbia, bianchissima e di una grana molto fine, valorizza il colore dell’acqua, rendendolo ancora più luminoso. Le dune sono ricoperte da gigli di mare, una specie protetta che regala splendidi fiori luminescenti d’estate. Non vanno raccolti, in quanto è vietato e sarebbe, in ogni caso, un vero peccato. Oltre ai gigli di mare, non mancano ginepri, giunchi e piante aromatiche della macchia mediterranea. Cala Brandinchi è perciò un effluvio di odori, oltre che di colori, una vera gioia per i sensi, da respirare a pieni polmoni. La fauna marina è parimenti rigogliosa. Cala Brandinchi è infatti una spiaggia molto amata da quanti praticano snorkeling, che hanno così modo di immergersi in un contesto magnifico anche a livello di specie marine.

Parcheggio, aree di ristoro e servizi

Cala Brandinchi presenta diverse zone ombreggiate dove è possibile rilassarsi. Immediatamente alle sue spalle ci sono una pineta e dei giardini estremamente curati. Qui è possibile trovare, oltre che un po’ di ombra, diversi parcheggi a pagamento. Il costo medio è di circa 2 euro l’ora. Il parcheggio più grande si trova adiacente all’ingresso Nord della spiaggia; c’è anche un bar con giardino.

La spiaggia è dotata di cestini per i rifiuti e di bagni a uso gratuito. Sono inoltre presenti uno o più corridoi per il transito delle piccole imbarcazioni. Non mancano gli stabilimenti balneari, con lettini e ombrelloni, da considerare durante il periodo estivo per quanti desiderano godere di una maggiore comodità, visto l’affollamento delle aree libere. Le strutture ricettive nelle vicinanze sono ben attrezzate e a circa mezz’ora di macchina si trova la città di Olbia, dotata di tutti i servizi e tra le più importanti dell’isola.

Come arrivare a Cala Brandinchi

Le spiagge della Sardegna non sono ben collegate con i mezzi pubblici e Cala Brandinchi non fa eccezione. Il modo migliore per arrivarci è con un mezzo di proprietà o a noleggio, auto o moto. Bisogna percorrere la strada statale 125 in direzione Nord verso San Teodoro-Olbia, per poi prendere il bivio verso località Lutturai e infine immettersi in una strada sterrata che conduce alla pineta e al parcheggio. Questo il percorso generale ma possono sussistere delle varianti a seconda che si arrivi da un lato o da un altro.

È possibile raggiungere la spiaggia anche facendo un percorso di trekking. Se siete interessati è preferibile rivolgersi a una guida locale, considerando comunque che le temperature calde dell’estate potrebbero rendere questa opzione sconsigliabile.

Un’ultima curiosità

Non potevamo concludere questa nostra panoramica su Cala Brandinchi che con una curiosità. Il protagonista è nientemeno che l’eroe dei due mondi, ovvero Giuseppe Garibaldi, il quale aveva fatto della vicina isola di Caprera la sua base principale a partire dal 1856. Garibaldi, in fuga da Caprera, si imbarcò da questa spiaggia nel 1867 alla volta di Piombino e di Roma, nell’intento di liberare la Città Eterna.

Trova la camera al prezzo migliore

Pianifica ora la tua vacanza