Calambrone da scoprire

227
Calambrone

Calambrone è una frazione del comune di Pisa, bagnata dal Mar Ligure. In epoca rinascimentale corrispondeva a Porto Pisano, ovvero lo scalo marittimo della Repubblica di Pisa, che dopo la sua decadenza, fu interrato, lasciando il territorio circostante paludoso e scarsamente abitato. Solo negli anni ’30 del ‘900 si ebbe la fondazione di un vero e proprio nucleo urbano. Sono infatti di questo periodo le colonie estive in stile liberty e modernista che caratterizzano ancora oggi l’assetto urbanistico ed architettonico della cittadina costiera.

Il litorale

A Calambrone le numerose colonie fasciste sono oggi sottoposte ad un importante progetto di riqualificazione, trasformate in complessi turistico-residenziali, che contribuisco a rilanciare tutta la zona costiera. La spiaggia si estende per circa 50 km ed è caratterizzata da dune coperte dalla vegetazione pioniera, da sabbia dorata e da un mare azzurro. Si tratta di un luogo adatto per chi ama la tranquillità, assai differente dalle spiagge affollate di Tirrenia e di Marina di Pisa. Sono presenti servizi e attrezzature di ogni tipo, come bar, ombrello, sdraio e bagni pubblici. Inoltre, grazie alla particolare esposizione alle correnti e ai venti, tale zona litoranea è particolarmente adatta agli appassionati di windsurf, di kitesurf e di vela.

La villeggiatura a Calambrone è perfetta per le famiglie con bambini piccoli al seguito, poiché qui trovano un ambiente sicuro e spazi dedicati all’attività ludica e alla pratica degli sport, ma anche occasioni di intrattenimento proposte dalle strutture ricettive e dagli stabilimenti balneari.

Cosa vedere

La città di Calambrone presenta importanti testimonianze architettoniche, ovvero le ex colonie estive di epoca fascista, che riflettono i dettami del Razionalismo italiano, che si è sviluppato negli anni venti e trenta del XX secolo.

Booking.com

Tra tutte spicca la Colonia Rosa Maltoni Mussolini, costituita dall’unione di diversi corpi di fabbrica e progettata dal celebre architetto Angiolo Mazzoni, nella quale ripropose tematiche metafisiche e futuriste. Rosa Maltoni era la madre di Mussolini, per tanto si comprende il perché la planimetria del complesso rimembri una madre che abbraccia il proprio figlio.

Interessanti sono anche: Colonia Firenze , la prima edificata nella zona di Calambrone, con padiglioni disposti a pettine; Colonia Principi di Piemonte, disegnata da Paolo Baldi Papini, di matrice classicheggiante; Colonia Vittorio Emanuele II, caratterizzata da una planimetria estremamente simbolica; Colonia dei Fasci Italiani all’Estero, costruita tra il 1934 e il 1935, ad opera di  Giulio Pediconi e Mario Paniconi; Colonia Regina Elena, progettata da Ghino Venturi e destinata prevalentemente ai ragazzi provenienti dal Trentino.

Come arrivare

In aereo: gli aeroporti utili sono il Galileo Galilei di Pisa e il Vespucci di Firenze.

In treno: Calambrone non ha una stazione ferroviaria, ma si appoggia a quelle di Pisa e Livorno, che distano dal paese pochi chilometri e sono ad esso collegate tramite un regolare servizio di autobus.

In auto: proveniendo da nord, è necessario percorrere l’Autostrada A12 (Genova-Livorno-Firenze), imboccare l’uscita al casello di Pisa Sud e proseguire sulla SP224 fino al mare. Esistono anche altre arterie di collegamento: la A12 (caselli Pisa Nord e Centro) e la A11 (Pisa Nord), proseguendo poi per la Superstrada Firenze-Pisa-Livorno, la SS1 Aurelia, la SS12 dell’Abetone e del Brennero, la SS224, la SS67 e la SS206.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLe spiagge più belle di Lerici
Articolo successivoRosignano Solvay: la storia, i luoghi d’interesse e le Spiagge Bianche