Capo Corso: il suggestivo “Dito della Corsica” e le sue spiagge più belle

507
Capo Corso

Capo Corso (Cap Corse) è una penisola della Corsica settentrionale, il cui litorale, abbastanza scosceso, comprende alcune piccole, ma suggestive, spiagge. Questa zona è ricordata anche per la sanguinosa battaglia navale del 1398, che vide impegnata la flotta di Ladislao, re di Napoli, e quella di Luigi di Provenza, in combutta con papa Bonifacio IX, che fu sconfitto.

Le 5 spiagge più belle di Capo Corso

Questa affascinante zona viene anche denominata “dito della Corsica”, poiché la sua forma protesa, ricorda quella di un dito puntato verso nord. Qui, tra gli impervi rilievi, sono incastonate meravigliose spiaggette, che regalano veri e propri angoli di paradiso. Le più suggestive sono:

  • la Spiaggia cittadina di Bastia, raggiungibile a piedi dal centro cittadino, che è caratterizzata da un arenile molto esteso e ben attrezzato, coperto da sabbia chiara e lambito da acque terse e ricche di specie marine;
  • Plage de Tamarone, che è posta quasi all’estremità settentrionale di Capo Corso, ed è raggiungibile in auto, percorrendo un sentiero sterrato che comincia nei pressi del porto di Macinaggio. Questo tratto costiero, circondato dalla macchia mediterranea, è provvisto di un mare meraviglioso, carico di riflessi turchesi, che regalano sublimi suggestioni;
  • Cala Genovese, anche questa raggiungibile dall’abitato di Macinaggio, imboccando il sentiero dei Doganieri. É incastonata in una piccola baia, che si estende per soli 150 m, ed è composta da sabbia fine e lambita da acque calme e limpide. Non è presente alcun tipo di servizio, il che la rende poco affollata anche nel periodo estivo;
  • Anse d’Aliso, ovvero una suggestiva baia verde, cinta da alture e bagnata da un mare cristallino e turchese. Si tratta di un zona costiera estremamente tranquilla, adatta per chi vuole rilassarsi e rigenerarsi, facilmente raggiungibile, percorrendo la D80;
  • Litorale di Canari, che si sviluppa sulla costa occidentale di Capo Corso, ed è circondato da incantevoli boschi. Sono presenti numerose spiaggette, ma non sempre facilmente raggiungibili.

Cosa vedere a Capo Corso

Capo Corso è un luogo unico, una sorta di “isola nell’isola”, caratterizzato da borghi incantevoli, da villaggi di pescatori e magnifiche strade panoramiche, dove è possibile ammirare le maquis, ossia suggestive lingue di terra che si gettano nel mare.

Booking.com

In questa zona sono disseminate circa 60 torri di avvistamento genovesi, sorte con l’intento di proteggere l’isola dagli assalti saraceni. Tutto il territorio della Corsica, infatti, era provvisto di una rete di controllo, che permetteva, tramite delle segnalazioni, di trasmettere dei messaggi assai rapidamente. Tra le più suggestive si ricorda: Tour de la Losse, posta al’uscita di Porticciolo, e Tour de la Sénèque, che domina le alture di Pino.

I borghi marini più incantevoli, che si ritrovano in questo piccolo angolo di paradiso, sono: Sisco, caratterizzato da piazzette, circondate da lecci; Pietra Corbara; Porticciolo, con le deliziose casette dai tetti di ardesia; Santa Severa.

Da non perdere, presso Col di Serra, è il Moulin Mattei, ovvero un meraviglioso mulino restaurato, che permette di godere di una splendida vista sull’isola della Giraglia e sulle alture circostanti.

Trova la camera al prezzo migliore

Pianifica ora la tua vacanza