Fano: le spiagge e le testimonianze storico-artistiche

126
Fano

Fano è una cittadina delle Marche, famosa per il patrimonio artistico e le suggestive spiagge, che richiamano ogni anno numerosi turisti, desiderosi di divertimento e di tranquillità.

Le spiagge più belle di Fano e dintorni

La Sassonia

Tale spiaggia si sviluppa a sud del molo di Levante del porto turistico e, come suggerisce il nome, è interamente coperta da ciottoli e sassi, trasportati nel corso dei secoli dal fiume Metauro. É molto amata dai fanesi e presenta un mare azzurro e pulito, caratterizzato fondali profondi, che digradano rapidamente, poco adatti alla balneazione dei più piccoli e dei nuotatori inesperti.

L’arenile presenta tratti liberi e tratti coperti da stabilimenti balneari ben attrezzati, in cui si ritrovano ombrelloni, sdraio, bagni, docce, bar e ristoranti. Sono presenti anche scuole di vela, windsurf, surf e kite, con la possibilità di noleggiare attrezzature e seguire corsi, anche per principianti.

Il Lido

Il Lido è una spiaggia storica di Fano, che si sviluppa tra il molo di Ponente del porto turistico e quello del torrente Arzilla. In questo tratto costiero l’arenile è composto da sabbia dorata ed è lambito da acque azzurre e limpide, che ospitano fondali bassi, perfetti per le famiglie con figli piccoli al seguito. Non mancano gli stabilimenti balneari bene attrezzati, ai quali si aggiungono bar, ristoranti, gelaterie e locali notturni, assai frequentati. Qui si svolgono anche importanti concerti, mercatini, manifestazioni culturali ed eventi gastronomici, come il Festival del Brodetto.

Spiaggia dei Gabbiani

Presso la località Madonna Ponte si trova la Spiaggia dei Gabbiani, caratterizzata da un arenile ghiaioso, che si divide in 3 parti: una dedicata ai bambini, una seconda agli sportivi ed una terza dove è possibile rilassarsi. Le acque che lambiscono il bagnasciuga sono cristalline, con fondali dolcemente digradanti e poco profondi.

Booking.com

Spiaggia di Arzilla

Tale spiaggia si trova nella frazione omonima del comune di Fano e presenta un tappeto di sabbia dorata, bagnato da un mare limpido e celeste, che digrada dolcemente verso il largo, ideale per le famiglie con bambini piccoli al seguito. L’arenile fornisce numerosi servizi, come ombrelloni, sdraio, bagni, docce, bar e ristoranti.

Testimonianze storico-artistiche di Fano

Fano è un antico centro di origine romana (Fanum Fortunae), come testimoniano alcuni importanti resti, tra i quali si ricorda l’Arco di Augusto, da sempre simbolo dell’urbe, eretto nel 9 d.C. É composto da un fornice centrale e da due archi minori laterali. A ridosso di tale struttura si trovano le logge di San Michele e l’omonima chiesa, la cui facciata presenta un suggestivo portale rinascimentale.

Spostandosi verso il cuore della cittadina, presso Piazza XX Settembre, si trova la cinquecentesca Fontana della Fortuna ed il Palazzo della Ragione, risalente al 1288, ma molto rimaneggiato, che ospita il Teatro della Fortuna.

Anche la cinta muraria è opera dei Romani, che la edificarono nel IX secolo d.C., per essere poi ampliata dai Malatesta nel XV secolo e rinforzata dai sovrani pontifici nel XVI secolo. La struttura urbanistica dell’abitato preserva ancora il decumanus maximus ed il cardus maximus ad esso perpendicolare, ai quali si affiancano cardi e decumani minori, costituendo una struttura a scacchiera, tipica del periodo romano.

Attraverso un’arcata rinascimentale del 1490, si accede alla piazza che ospita la suggestiva Corte Malatestiana, un palazzo del XV secolo, caratterizzato da due ali: una in stile gotico e l’altra occupata dalla rinascimentale Loggia del Sansovino.

Tra gli edifici ecclesiastici si ricorda la Cattedrale di Santa Maria Assunta, eretta nel XII, ma sottoposta a numerosi rimaneggiamenti. Al suo interno preserva un meraviglioso pulpito e la barocca Cappella Nolfi, risalente al XVII secolo. Interessante è anche la Chiesa di Santa Maria Nuova, del XVI secolo, decorata con stucchi settecenteschi e la celeberrima Pala di Fano, una tavola del Perugino, datata 1497, forse realizzata in collaborazione con Raffaello.