Le più belle spiagge della Sardegna: come organizzare un giro perfetto

10

La Sardegna è la seconda isola più grande del Mediterraneo ed è conosciuta per la bellezza delle sue spiagge e del suo mare. Questa terra è meravigliosa, rigogliosa, selvaggia, ricca di boschi, montagne, pianure. Gran parte dei suoi territori sono disabitati e questo la rende ancora più preziosa e singolare. L’isola è definita un micro-continente perché ha tantissimi ecosistemi differenti che riescono ad essere intatti ancora oggi dopo così tante decine di anni, grazie a una tutela del territorio molto responsabile.

Non a caso anche monumenti di epoca preistorica sono ancora oggi ben conservati. I suoi chilometri di costa sono variegati in un alternarsi continuo di coste rocciose, calette intime dai bassi fondali, spiagge ampie, lingue di terra in mezzo al mare. Dire qual è la spiaggia più bella della Sardegna è molto difficile, se non impossibile. Le zone sul mare sono molto diverse fra loro e hanno caratteristiche peculiari, per questo non si può annoiarsi.

Premessa: le basi per il tour della Sardegna

Vista la bellezza del luogo è davvero uno spreco non fare almeno un piccolo tour che permetta di vedere qualche spiaggia diversa. Quindi vale la pena organizzarsi per visitare almeno la zona in cui si ha l’alloggio. Per fare un tour di questo tipo è indispensabile l’automobile e per questo la Sardegna va raggiunta in traghetto. I porti di partenza dall’Italia sono diversi: Civitavecchia, Genova, Livorno, Napoli, Palermo, Piombino, Portovecchio.

È sufficiente quindi scegliere quello più vicino alla propria regione e imbarcarsi in tutta comodità con il proprio mezzo. Le compagnie che coprono la tratta fino in Sardegna sono diverse, fra le migliori c’è sicuramente la Grimaldi Lines che offre ottimo rapporto qualità prezzo, precisione e puntualità. Questa compagnia ha due linee di imbarcazioni: i traghetti Grimaldi da Livorno verso Olbia e quelli da Civitavecchia a Porto Torres.

Booking.com

Le 10 spiagge più belle della Sardegna

Le spiagge dell’isola sono tante e variegate, alcune molto frequentate, altre invece riservate e intime. Ci sono spiagge rosa, quelle bianche, quelle abbracciate da bosco o quelle attorno alle quali si ergono alte rocce bianche. In alcuni casi è possibile raggiungere queste spiagge con l’auto, in altre dopo aver parcheggiato occorre fare un breve tratto a piedi in mezzo al bosco. Alcune rare spiagge sono raggiungibili invece solo con le barche.

Zona Nord

A Nord, fra tutte le spiagge spiccano sicuramente l’arcipelago de La Maddalena. A Nord Est si trovano Olbia e Nuoro, con la Costa Smeralda, Cala Petra Ruia, Arena Bianca, Isuledda, Spiaggia del Pevero, circondate da boschetti di ginepri e mirti che rilasciano un profumo caratteristico inebriante.

A Nord Ovest, in provincia di Sassari, si trova Stintino, con la Pelosa e le Saline, sicuramente le spiagge più rinomate e conosciute per la particolare bellezza.  A Ovest c’è invece Alghero e la Riviera del Corallo che prende questo nome per la presenza del corallo rosso. Qui non bisogna perdersi Bombarde, Porto Ferro, Lampianu, la Spiaggia del Lazzaretto.

Zona Sud

A Sud spiccano per particolare bellezza l’area di Villasimius, con Porto Giunco, e il Golfo degli Angeli, con Cala Mosca, Quartu, Poetto. Sottovalutate, ma in realtà preziose le spiagge di Carbonia Iglesias, con la Costa del Sulcis. Da non perdere anche Porto Botte e Porto Pino e, vicino, la scogliera di Porto Paglia.

Nella zona Ovest c’è Oristano con le sue spiagge immerse nelle falesie e nei faraglioni, come Spiaggia di Porto Alabe, Is Arutas, Aba Rossa, Piscinas, Cala Domestica.