Perché assicurare le seconde case al mare?

32

Secondo il rapporto dell’Agenzia delle Entrate risalente al 2019 in Italia si contano oltre cinque milioni di seconde case, una cifra che corrisponde a poco meno del 20% del totale delle abitazioni. Si tratta di un dato eccezionale che cresce di anno in anno perché, si sa, gli italiani sono ottimi risparmiatori. Ecco perché tengono molto a mettere in atto investimenti vantaggiosi come quello della seconda casa in una località di mare, un bene su cui investire ma anche da proteggere. A fronte di questo dato così incoraggiante per il settore immobiliare non possiamo fare a meno di affiancare quello dell’assicurazione sulla casa, un argomento di cruciale importanza per via delle ragioni che spiegheremo in questo breve approfondimento.

Come funziona l’assicurazione sulla casa?

Un’assicurazione sulla casa è un prodotto volto a tutelare l’immobile da imprevisti, incidenti e danni che, come sappiamo, possono sempre capitare. Non è una polizza obbligatoria, nel senso che può essere stipulata in via del tutto facoltativa da chi lo ritenga necessario. Tuttavia in un Paese come il nostro, dove i rischi idrogeologici sono all’ordine del giorno e i centri storici risultano essere tra i più antichi d’Europa varrebbe la pena farci un pensierino. In realtà non ci riferiamo solamente ai disastri naturali come terremoti, inondazioni o eruzioni vulcaniche perché, molto spesso, per creare innumerevoli danni ad un’abitazione basta una semplice tubatura rotta.

Perché vale la pena stipularne una?

C’è poi da considerare che un conto è prendersi cura di un guasto presso l’abitazione principale mentre un altro è riparare ai danni della seconda casa che, ragionevolmente, sarà distante da dove viviamo e, quindi, anche dal nostro controllo. I rischi per un’abitazione sono molteplici e riguardano furti, danneggiamenti, usi impropri e così via. In altre parole gli immobili sono beni di un certo valore che, tuttavia, risultano essere costantemente esposti ad una serie di rischi da cui è importante proteggerla in modo opportuno. Come? Ovviamente con l’assicurazione sulla casa. Vediamo come funziona.

Quali danni e imprevisti copre?

Le seconde case possono essere tutelate da una serie di imprevisti e, tra questi, è prevista anche la copertura della responsabilità civile. Inoltre possono coprire danni, furti, malfunzionamenti ma anche incendio e persino gli infortuni accidentali di un ospite. Il costo e la tipologia di polizza, com’è ovvio, dipendono soprattutto dall’operatore a cui ci rivolgiamo e dal pacchetto di coperture previste.

Ci sono prodotti assicurativi all inclusive così come ce ne sono alcuni specifici che prevedono una quantità limitata di coperture a prezzo ribassato.

Come valutare un’assicurazione per la casa?

La scelta dipende molto dal budget che desideriamo destinare a questa forma di protezione della nostra seconda casa e ai prodotti assicurativi a cui siamo più interessati. Peraltro il costo delle polizze varia anche in base alle eventuali franchigie e al massimale di copertura che, come saprai, è direttamente proporzionale alla copertura garantita. In altre parole più il massimale è elevato e maggiori saranno i danni coperti mentre le franchigie sono parti di danno che restano a carico dell’assicurato e che possono avere un importo fisso o essere espresse in percentuale rispetto al valore del bene o alla somma assicurata.

Considera anche che qualora attivassi anche la protezione dagli eventi calamitosi ti verrà riconosciuta la possibilità di detrarre il 19% del premio annuale pagato, un vantaggio voluto fortemente dal Governo per incentivare la tutela delle abitazioni a fronte dei danni idrogeologici a cui, purtroppo, non possiamo porre rimedio.

Per valutare una buona polizza di assicurazione per la seconda casa vale la pena fare un confronto tra varie opzioni affidandosi a compagnie esperte che valuteranno per te la migliore opzione in base a quelle che sono le tue esigenze di copertura.

Trova la camera al prezzo migliore

Pianifica ora la tua vacanza