Termoli: alla scoperta del litorale molisano

197
termoli

Termoli è una località balneare del Molise, che si caratterizza per la presenza di un promontorio sul quale si sviluppa l’antico borgo marinaro, circondato da mura difensive e delimitato da una possente falesia che si getta a strapiombo nel mare Adriatico. Suggestive sono anche le spiagge, che richiamano ogni anno numerosi vacanzieri, attratti dalla sabbia chiara e dalle acque azzurre e limpide.

Il Borgo Antico

La parte più antica di questa cittadina molisana è attraversata da una miriade di viuzze, che si incrociano come a formare una scacchiera, dove si ritrova uno dei vicoli più stretti del mondo, denominato “rejecélle”, che può essere percorso solo ponendosi di traverso.

A dominare è il Castello svevo, edificato su di un antico nucleo normanno, probabilmente verso il XIII secolo, ovvero nel periodo in cui Federico II di Svevia pianificò un sistema difensivo delle frontiere italiane sud-orientali. Tuttavia, la costruzione ha subito nel corso del tempo una serie di rimaneggiamenti, che le hanno conferito l’aspetto attuale, caratterizzato da una torre che svetta su una base a tronco di piramide quadrata, sui cui angoli si innestano 4 torri cilindriche.

Tra gli edifici religiosi spicca la Cattedrale, situata in piazza Duomo, in stile romanico pugliese, dove sono preservati i corpi dei santi patroni della città, Bassano e Timoteo. È divisa in 3 navate e presenta una facciata caratterizzata da 7 arcate adornate da bassorilievi.

All’ingresso in prossimità del porto, decorato da una porta ad arco, si innalza la Torretta Belvedere, una delle 8 torri di avvistamento della costa, dalla quale è possibile godere di una vista meravigliosa. Attualmente, tale architettura è stata destinata all’accoglienza turistica: qui, infatti, si trova un ufficio informazioni.

Booking.com

La zona costiera di Termoli

Il litorale termolese è costellato di torri di avvistamento, edificate per volere del Viceré di Napoli don Pietro di Toledo, che diede l’ordine di costruire nuove fortificazioni marittime in tutto il regno. Particolarmente suggestiva è la Torre del Sinarca (o Torretta Saracena), situata a nord della costa di Termoli ed in prossimità del torrente Sinarca. È a pianta quadrata, con muratura a scarpa e bastioni. La sommità presenta merlature e beccatelli, tipici delle torri costiere carolingie. Tale architettura militare è di proprietà privata ed ospita un ristorante.

Lungo la zona litoranea si possono osservare anche antichi trabucchi, ovvero macchine da pesca in legno, munite di braccia, che si allungano sull’acqua e reggono una rete, la quale viene calata in mare tramite un argano.

Le spiagge più belle di Termoli

Termoli è la località balneare di maggiore spicco della riviera molisana, dove si trovano numerosi tratti costieri suggestivi, che vale la pena di visitare, tra i quali spicca la Spiaggia di Rio Vivo, situata nella zona meridionale della cittadina, che si estende per circa 150 m. É l’ideale per coloro che amano compiere attività sportive, poiché lungo tutto il litorale sono presenti campi da calcio, da tennis e da beach volley. Qui, inoltre, è possibile praticare vela, vista la forte esposizione ai venti. Non a caso è sede di un importante Circolo Nautico, punto di riferimento per importanti regate. L’arenile è coperto da sabbia dorata fine ed è lambito da acque cristalline, cariche riflessi turchesi.

A nord di Termoli, si sviluppa, invece, la meravigliosa Spiaggia di Sant’Antonio, luogo di balneazione dei termolesi, che si estende per ben 10 km. Si tratta di un litorale sabbioso, bagnato da un mare limpido, che ospita fondali bassi, ideali per nuotare e fare il bagno. Sono presenti diverse opportunità di divertimento, come praticare sport acquatici, pesca subacquea, ma anche acquascivolo. Di sera, tale zona costiera attrae i turisti, grazie alla miriade di ristoranti, locali e discoteche, che garantiscono un ottimo intrattenimento.

CONDIVIDI
Articolo precedenteGrignano: la spiaggia, il castello e la Riserva naturale Marina di Miramare
Articolo successivoTeramo: le testimonianze storico-artistiche, le spiagge e le aree naturali