Teulada: la zona costiera e i luoghi d’interesse

340
Teulada

Teulada è un comune della Sardegna meridionale, posto a cavallo tra la costa del sud del Sulcis-Iglesiente e le montagne del Sulcis. É caratterizzato da promontori rocciosi ed insenature, dove sono situate calette con arenili sabbiosi ed acque terse, che richiamano ogni anno migliaia di turisti, provenienti da tutto il mondo.

Tuttavia, tale abitato sardo è conosciuto anche per le numerose attrazioni storiche ed artistiche, sparse in tutto il territorio, che sono a testimonianza di un glorioso passato.

Spiagge più frequentate

Le spiagge più conosciute di Teulada sono: Malfatano, Tuerredda, Perdalonga. Tuttavia, all’interno del campo militare NATO, presente in questa zona della Sardegna, fa capolino anche la spiaggia di Porto Zafferano, che è raggiungibile solo via mare ed esclusivamente nei mesi di luglio ed agosto. Si tratta di un tratto costiero ancora selvaggio, caratterizzato da sabbia soffice e chiara, ed orlato da suggestive dune, coperte da una fitta vegetazione di ginepri.

Rientra nel territorio militare anche la spiaggia di S’ottixeddu (detta anche “degli americani”), che viene resa accessibile solo nel periodo estivo.

Altre spiagge interessanti sono quella di porto Tramatzu, che si trova in prossimità dell’abitato, ed è raggiungibile percorrendo la strada panoramica della costa sud. Essa è impreziosita dalla vista dell’Isola Rossa e dalla bellezza del mare turchese, che bagna un arenile sabbioso e bianco. Si tratta i una zona ben attrezzata, munita di un ampio parcheggio, adatto anche per i camper, e di diversi servizi, quali bar, ristoranti, sdraio ed ombrelloni.

Booking.com

Da segnalare è anche Cala Piombo, anch’essa raggiungibile esclusivamente via mare e solo nei mesi di luglio ed agosto, poiché si trova all’interno della zona militare. Essa è coperta da sabbia grigia mista a ciottoli, con un mare cristallino ed un fondale basso, che degrada dolcemente.

Testimonianze storico-artistiche

Per quanto riguarda le architetture religiose, interessante è la chiesa campestre di Sant’Isidoro, risalente al XVII secolo, e caratterizzata dall’omonima torre. Suggestiva è anche la piccola chiesa di San Francesco, situata nel centro urbano, edificata verso la prima metà del XVIII secolo, nonché la chiesa dedicata alla patrona del paese, la Beata Vergine del Carmelo, della metà del Seicento.

Da visitare sono anche le strutture militari, come la torre del Budello, risalente al 1601, utilizzata per controllare la peschiera di Teulada e l’ingresso al porto. Di rilievo è anche la torre di Sant’Isidoro, costruita dai bizantini come avamposto strategico per avvistare le navi saracene.

La cittadina è disseminata di sculture in marmo e granito, frutto di una rassegna annuale, attualmente non più praticata.

Il territorio di Teulada è ricco anche di nuraghi, circa una settantina, e numerose domus de janas, ovvero strutture sepolcrali preistoriche, costituite da tombe scavate nella roccia. Il più rilevante è certamente il nuraghe Sa Perdaia: un sito archeologico dell’età del bronzo, posto su di un’altura e costituito da massi di granito. Esso è caratterizzato da una struttura a due piani, dove sono presenti degli ambienti circolari. Gli ingressi sono posti a nord ed a sud.

Presso Teulada sono presenti numerose miniere dismesse, tra le quali si ricorda: quella di Guardia Manna, di monte Lapanu, di Morettu, di Medau Piras, di Nuraxi de Mesu, di San Michele e di Santa Lucia.

Trova la camera al prezzo migliore

Pianifica ora la tua vacanza